KILIM MAKAT
Innumerevoli passaggi nella sabbia. Fino alla metà del secolo scorso, questi tappeti scandivano il ritmo dei nomadi curdi sugli altipiani anatolici. Si distinguevano per la tessitura piana e i colori naturali, alternano lane chiare di pecora a quelle più scure di capra o cammello.